venerdì 21 luglio 2017

Il recupero di un cesto

Ciao a tutti, come va?
Oggi vi presento un altro tipo di lavoro che non è proprio cucito,
ma che ha come protagonista la stoffa.  Un po' della tanta stoffa che ho messo da parte,
regalatami da persone varie, in situazioni diverse.

Avevo un cestino, anche questo giunto nelle mie mani non ricordo come.  Il cesto si stava rompendo, allora ho desiderato recuperarlo, dato che era fatto con una struttura di metallo ancora molto robusta.


Ho iniziato dalla base, era rimasta completamente inesistente, solo un cerchio vuoto.  Così ho strappato la stoffa a strisce e le ho unite man mano che serviva con dei semplici nodi e ho iniziato a intrecciare il cotone sfruttando le sezioni verticali del cerchio alla base.


Poi sono passata all'altezza del cesto, ma qui era più facile, è bastato continuare a girare intorno con un moto di zig zag, dentro e fuori, fino a raggiungere la cima.


Adoro i cesti in generale e sono quindi contentissima di essere finalmente riuscita a farne uno!  Lo so che il lavoro non è perfetto, come mio solito, ma il gusto del rustico ha la meglio in questo caso.
Ed ecco che appena completato il lavoro lo abbiamo subito usato
per raccogliere le melanzane sul balcone!

Che ne dite?
Alla prossima!

venerdì 7 luglio 2017

Ancora la corsa dei cavalli invisibili

Buongiorno mondo!
Rieccomi dopo lungo tempo, sono felice di poter scrivere ancora su questo blog e condividere con voi i miei lavoretti di cucito!
Questa volta, visto che la mia vita quotidiana è ancora molto dedicata ai tre piccoli cuccioli (specialmente il terzo), il lavoretto è davvero piccolo, ma visto che non bazzicavo da queste parti da molto, ho colto questa piccola opportunità per farvi sapere che ci sono ancora e che non intendo mollare.  Sono solo in pausa.


Qualcuno si ricorderà della corsa dei cavalli invisibili, giornata di gioco a Bergamo giunta quest'anno alla terza edizione.  Se non vi ricordate ecco qui la prima edizione ed ecco qui la seconda edizione.
Quest'anno mio marito ha partecipato come figurante nel gruppo organizzativo e ha impersonato il cavaliere nero.
Il mio contributo è stato solo nella tunica nera, tutto il resto del vestito l'ha fatto con moltissima dedizione Marco, comprese due spade di legno per i due piccoli cavalieri amici, assolutamente non neri!

Spero di tornare presto con i miei progetti di cucito, altrimenti ... pazientate!
CIAO CIAO

mercoledì 15 marzo 2017

Un podaegi largo

Salve a tutti,
oggi vi parlo di un nuovo tipo di fascia che sto sperimentando in questo periodo.
Si tratta di una fascia podaegi, con pannello largo.


Questa fascia l'ho cucita a partire da una fascia boliviana un po' strana che mi è stata regalata da una amica.  La fascia strana era una ad anelli, ma non molto regolabile e troppo grande per me.  Così ho deciso di tagliarne le estremità ed aggiungerci delle fasce laterali per farne un podaegi largo, vista la misura abbondante della stoffa.


Questa fascia l'ho provata solo sulla schiena e ho dei dubbi se si possa usare anche davanti.
Per ora sto facendo pratica con la legatura.

Mi da un po' l'impressione che il bambino rimanga un po' più in basso sulla schiena, rispetto alle altre fasce che sono abituata ad usare.

Che fortuna avere un bebè vero con cui provare la fascia!   =)

Alla prossima!

martedì 17 gennaio 2017

Una cintura all'uncinetto

Ciao a tutti,
oggi un altro lavoro all'uncinetto:  una cintura per tenere su i pantaloni.


Mi è venuta in mente quando ho imparato il punto di cui ho parlato l'altra volta con il cappello per mio figlio, quel punto che sembra una lavorazione ai ferri (che invece non so fare).  Poi mio marito diceva di avere poche cinture e che quelle in suo possesso fossero troppo lunghe.  Così è nata in me l'idea di farne una per lui, a misura e piacere suo.
La cosa che mi è piaciuta in particolare di questo lavoro è stata la fascetta che ho aggiunto alla fine, quella per tenere l'avanzo della cintura.  Ed interessante è il fatto che con il lavoro all'uncinetto, non serve preparare dei buchi per l'ardiglione della fibbia, visto che esso può passare pressoché in ogni parte della cintura.

Buoni lavori a tutti e alla prossima!

martedì 10 gennaio 2017

Tanti modi per portare un neonato

Buongiorno a tutti!
Con il nostro nuovo bebé, che si chiama Donatello, stiamo facendo largo uso delle varie fasce che abbiamo a casa, per tenerlo appresso, coccolarlo e farlo dormire comodo mentre facciamo anche qualcos'altro.  Ci sono diversi modi di portare un neonato.  Ecco una piccola carrellata.

Con la fascia ad anelli:  va bene per brevi tempi, visto che il peso del bambino grava tutto su una spalla sola.

Con il podaegi:  ho trovato diverse legature possibili con questa fascia, ne parlerò presto in un altro post.

Con il mei tai:  la mia fascia preferita, comoda, facile e veloce da indossare.

Con la fascia lunga:  ci vuole un po' per fare la legatura, ma alla fine si è premiati da un senso di avvolgenza e morbidezza.

Col papà nel mei tai:  quando la mamma è stanca o malata, anche il papi si diletta e aiuta, ovviamente!

Infine, ma non per ultimo, in braccio:  è la cosa più naturale, ma senza fascia dopo un po' si inizia a far fatica...

Non credete anche voi che siamo fortunati ad avere a disposizione così tanti supporti, di diverso tipo, tutti utili e comodi?

Alla prossima!